“Che bello il Natale! Che bella la neve! Che bello l’Inverno!”

Se senti dire queste frasi, probabilmente NON hai a che fare con un pescatore incallito!

Il pescatore incallito ama la primavera e l’autunno, apprezza l’estate ma odia l’inverno!

 

Il perché è presto detto!

 

Nel periodo più freddo dell’anno, il metabolismo dei pesci tende a diminuire fino quasi ad azzerarsi completamente. Ciò influisce sulle catture, che saranno senz’altro minori rispetto alle altre stagioni dell’anno.

 

Per non parlare del freddo! Le temperature prossime allo 0 termico, non aiutano certo i pescatori nell’attività di pesca. Ghiaccio sul filo e sugli anelli, difficoltà d’impiego della canna con l’uso dei guanti, rischio cadute a causa del ghiaccio: situazioni che rendono difficili anche una sola oretta di pesca!

 

Ma esistono dei pesci che si possono catturare d’inverno oppure no? Oppure vale la pena appendere le canne al chiodo e aspettare l’apertura della trota?

 

Qui sotto, troverai una breve descrizione sulle specie maggiormente insidiabili d’inverno. Buona lettura!

 

Pigo

Il Re dell’Inverno è lui: sua maestà il pigo! Non lo vedi per tutto e poi, quasi per magia, d’inverno compare! Incredibili le sue fughe come la sua bellezza! E la cosa davvero pazzesca, è che pochissimi pescatori di oggi hanno avuto la fortuna di trovarlo fra le proprie mani! Se dovessimo dirti qual è il pesce più bello da catturare d’inverno, la risposta è sicuramente pigo!

 

 

Luccio

Il luccio è uno dei pochi pesci che, nonostante le temperature scendano in picchiata, continua ad alimentarsi con una certa costanza. Fino all’avvicinarsi della frega (che nelle nostre acque avviene a partire dalla metà di febbraio e termina a fine marzo) la cattura di un grosso esemplare è dietro l’angolo. Attento però: nel fiume Adda e Oglio, la pesca al luccio chiude il 1 Gennaio! Pertanto, o cambi pesce, o ti concentri sui laghi di Endine, Iseo e nelle acque di tipo C!

 

Cavedano, Barbo, Scardola

Sono tre specie che, sebbene il freddo non gli appartenga, possono regalare ancora soddisfazioni! Se ti piace pescare a passata o a ledgering, provare a fare un’uscita a loro dedicata potrebbe essere la scelta azzeccata!

 

Persico

A differenza del luccio, l’attività del persico crolla quasi completamente nel periodo invernale. Un tentativo comunque, si può sempre fare: la ricompensa sarà senz’altro un persico di taglia!

 

Siluro, Lucioperca, Black Bass

Abbiamo messo insieme questi tre predatori alloctoni perché hanno in comune una cosa: si alimentano soprattutto quando le temperature dell’acqua sono sopra i 10°C. Lascia perdere questi pesci e dedicati ad altro.

 

Carpa, Tinca, Carassio

Come sopra. È vero che in Po e in altri fiumi di grande portata si catturano ancora delle grosse carpe, ma certo questo non è il periodo migliore per insidiarle. Concentrati su altri ciprinidi.

 

Trota Fario, Marmorata, Lacustre, Salmerini, Coregoni

Per carità. In questo periodo dell’anno, lascia stare tutti i salmonidi e concentrati rigorosamente su altre specie. Potrai sbizzarrirti e divertirti a fine febbraio quando aprirà la pesca nelle acque di Tipo B. Ma prima, lasciare riprodurre in pace!

 

Anguilla e Bottatrice

Sebbene siano due specie catturabili anche d’inverno, lasciale stare! La bottatrice è in piena riproduzione, mentre l’anguilla, come da Calendario Pesca, è chiusa fino alla fine dell’anno! A loro dedicati in Primavera!

 

 

Ok, l’articolo è finito!

 

Riassumendo, il nostro consiglio è quello di dedicarti a pighi, lucci, barbi e cavedani, non tralasciando persici e carpe, se le giornate sono abbastanza calde. Speriamo che l’articolo ti possa servire per stimolare la tua voglia di pesca in inverno!

 

A presto, Tuttopesca Lago di Endine