Anche se ci ha fatto rimanere in attesa più del dovuto l’estate è finalmente arrivata.

Le giornate si allungano, le temperature si alzano e rigogliose piante fioriscono sulle sponde dei nostri amati fiumi e laghi.

 

 

In questo periodo dell’anno, la T dell’acqua subisce un brusco incremento, al punto da inibire i pesci all’alimentazione. Le normali esche quali boilies, cagnotti, vermi, camole, mais, esche finte ecc. sembrano non funzionare più. E allora che fare?
 
Affidati a quello che la natura ti può dare!
 
Guardati intorno e scopri se ci sono delle piante con frutto nei pressi del corso d’acqua! Se la risposta è si, sei a metà dell’opera!
 
Raccogli un po’ di frutta dall’albero e comincia a pasturare nei pressi della zona in cui vuoi effettuare la pescata. Il giorno fatidico, le catture non tarderanno ad arrivare!
 
Ma quali sono i frutti più redditizi? E soprattutto per quali pesci?
 
 La frutta è un alimento prelibato per moltissimi ciprinidi, che ne vanno letteralmente ghiotti!
 
Grazie alle piante da frutto, puoi catturare:
 
Cavedani
Carpe
Scardole
Barbi
Tinche
 
 
 
 
La sorpresa poi, è dietro l’angolo!
 
Per quanto riguarda i frutti, i più gettonati sono:
 
Ciliegie
Amarene
More
Uva
Sambuco
 
 
 
 
I vantaggi della pesca con la frutta sono essenzialmente due.
 
1) A differenza di altri tipi di esche, hai la possibilità di sondare diversi strati di altezza: piombando la lenza puoi pescare in corrente ed avvicinarti al fondo, mentre pescando spiombato lasci muovere l’esca liberamente sondando i strati d’acqua più superficiali. Le mangiate a topwater sono dietro l’angolo!
 
2) Partendo dalle ciliegie e concludendo con l’uva, hai la possibilità di pescare a partire da fine maggio e terminare fino a fine settembre! Le maturazioni dei frutti in diversi periodi dell’anno ti permettono di pescare con la frutta per almeno 4 mesi!
 
E se pensi che la forma o le dimensioni dell’esca possano essere un problema, pensa al successo che ha avuto l’innesco di boilies di dimensioni generose (anche oltre i 30mm) per le carpe!
 
E ora che hai letto tutto l’articolo, non hai voglia anche tu di cimentarti in questa tecnica? E allora, prendi un barattolo, vai in cerca di frutta e scatenati!
 
Se fai cappotto, puoi sempre riempire il tuo stomaco di succulenti frutti!
 
A presto, Omar!